Dei quindici anni


Quand’è successo? Ieri eri un bambinone bellissimo e mangione e oggi compi quindici anni! Dov’ero mentre il tuo corpo cresceva e ti trasformavi nel ragazzo dinoccolato che sei ora? Quando hai cambiato la voce, ti sono spuntati i baffetti e hai cominciato a parlare di nascosto al cellulare? Hai fatto tutto a tradimento, approfittando della mia distrazione, degli impegni di Villa Arzilla, della mia stanchezza ormai eterna. 

No, non è vero: io tutti i tuoi cambiamenti li ho visti, ma non pensavo che fossero così importanti, così definitivi. Pensavo che ancora per tanto tempo avrei avuto un Cucciolo da spupazzare…e ora sei più alto di me. 

Compi quindici anni e ti prepari anche tu a spiccare il volo. È inutile che io pensi che ci vuole ancora tanto tempo, perché al prossimo battito di ciglia ti troverò uomo fatto e starò di nuovo a chiedermi com’è successo. 

Vai avanti, a schiena dritta, mantieni viva la tua fame (non solo di cibo, mi raccomando) e, soprattutto, sii felice!


(Per chi fosse interessato alla buonissima torta, la ricetta è qui)

Commenti

  1. Crescono troppo in fretta, improvvisamente ne prendiamo coscienza... Ancora auguri al Cucciolo

    RispondiElimina
  2. Auguri belli al non più bambino. I figli sono davvero nostri per un battito di ciglia , dal momento in cui vengono alla luce cominciano a divenire autonomi ed è giusto così. Ciao Dolcezze.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. Tantissimi auguri al tuo giovanotto. Quando sono piccoli siamo sempre stanche e desiderose che crescano e poi in un attimo ce li ritroviamo grandi😅💕💕

    RispondiElimina
  4. Che bella torta! Per il compleanno ci vuole assolutamente qualcuno che ti faccia 1)regali, 2)torta, 3) auguri.
    Regali da piccola ne ho sempre ricevuti, per fortuna, ma torte praticamente mai.
    Per il resto si vorrebbe sempre che i popi restassero popi, si sa.

    RispondiElimina

Posta un commento