lunedì 4 dicembre 2017

Di strane ombre

 

Dolcezze non ha decisamente un buon rapporto coi cellulari: ne fa fuori praticamente uno all'anno. O l'aggeggio infernale cade inavvertitamente dall'asse da stiro, o finisce sotto la doccia, o rimane nelle tasche dei pantaloni infilati in lavatrice o cosette del genere. Se non succede niente di così tragico, il cellulare all'improvviso impazzisce:  o non si connette più ad internet, o non invia e riceve messaggi, o si spegne e si riaccende da solo...insomma, Dolcezze sostiene che il suo telefonino è posseduto. E non dipende dalla marca, dal sistema utilizzato...come tutti i suoi strumenti elettronici , il cellulare è destinato a morte certa.
Per questo, quando giorni fa, non è riuscita a fare delle foto decenti alla sua ultima creazione natalizia, non ha avuto dubbi: il cellulare si era rotto. In realtà c'era un'alternativa: che il Cucciolo, maneggiandolo, avesse modificato le impostazioni (cosa non infrequente) e che ciò causasse quello strano effetto nebbia sulle foto. 
Dolcezze va dall'Amato Bene e gli porta il telefonino: "C'è qualcosa che non va: le foto hanno uno strano effetto dissolvenza. Puoi controllare se c'è qualche problema?" 
L'Amato Bene guarda, controlla, esamina e non trova nulla: "Qui sembra tutto a posto" 
D: "Eppure le foto vengono sfocate...guarda qui"
E l'Amato Bene fa una foto di prova.
D: "Ecco,vedi? L'immagine è poco chiara!"
L'Amato Bene guarda, controlla, esamina, poi gira il telefono...:"Il telefono non ha nulla. E' tutto a posto"
D: "Ma non vedi? Le foto sono come appannate"
A.B.: "Forse dovresti controllare l'obiettivo?"
D: "Si è rotto?"
A.B.: "No. Forse hai fatto il pane oggi?"
D: "Sì...e che c'entra?"
A.B: "Eh, eh...c'entra, c'entra... "
E Dolcezze guarda bene e vede sull'obiettivo una bella ditata...
Forse dovrebbe smetterla di fare tante cose insieme.

6 commenti:

  1. È successo anche a me, ma io sono andata al negozio dove avevo acquistato il tel. e non ti dico la vergogna quando il tecnico mi ha detto che sull'obiettivo c'era una bella ditata! Sarei sprofondata!!!

    RispondiElimina
  2. Una soluzione ci sarebbe.
    Dedicarsi alle attività di svago e lasciare andare in malora le incombenze familiari.
    L'aria di sufficienza o lo sguardo di commiserazione che risplende sul viso dei mariti svanirebbe in un attimo

    RispondiElimina
  3. L'idea di Solsido non mi sembra da sottovalutare.
    In alternativa... lavarsi le mani prima di rispondere, o spengere il cell nel sacro tempo dell'impastagione ❤️

    RispondiElimina
  4. Può consolarti l'idea che la sottoscritta ha mollato il cellulare in canale a Venezia? Mi è successo una volta sola, per fortuna, ma vederlo affondare nell'acqua e non poterci far nulla è impagabile.
    Bridigala (Chiara)

    RispondiElimina
  5. E io che il mio primo, taaaanto odiato, cellulare touch appena comprato l'ho perso allo zoo di Londra? E ho fatto spallucce rimanendo allegramente nella capitale britannica per diversi giorni senza cellulare? Forte telefonare dalle cabine rosse come negli anni settanta!

    RispondiElimina
  6. @ tutte: Ragazze care, ma immaginate l'atteggiamento di superiorità e lo sguardo di condiscendenza dell'Amato Bene? Ho imparato la lezione...non mi rivolgerò più a lui per dubbi "telefonici". Sulla drammatica fine dei telefonini...stendiamo una trapunta di silenzio.

    RispondiElimina