lunedì 23 gennaio 2017

Di #Insieme raccontiamo 17: La bottiglia

Anche se da tanto seguo l’iniziativa di Patricia Moll, “Insieme raccontiamo” (che è già giunta al numero 17),  non ho mai partecipato, ma quando  ho letto questo incipit il seguito è venuto spontaneamente,  naturalmente. Non so se questo post è l'inizio di una partecipazione più assidua o se resterà un'esperienza isolata. 
Come sempre navigo a vista...ma intanto comincio  (le regole del gioco sono qui).

Ecco l’incipit di Patricia:

Era l’alba. Gli piaceva scendere in spiaggia a quell’ora. In giro non c’era ancora nessuno perché i vacanzieri erano andati a dormire da poco.
Il silenzio interrotto solo dalla voce del mare lo rasserenava.
Girovagando, aveva oltrepassato il promontorio. In una piccola baia seminascosta l’aveva trovata....
 
foto dal blog di Patricia


una barca in disarmo, o meglio ciò che ne restava dopo anni di tempeste, salsedine, sole...e abbandono. La sua antica bellezza si poteva solo immaginare.
“Sembra la mia vita” si disse lui e cominciò a girarle intorno, contemplando ogni crepa, ogni grumo di ruggine, ogni bullone svitato. Poi allontanò lo sguardo e la vide: dalla sabbia battuta dalle onde usciva solo il collo della bottiglia, ancora chiuso con la ceralacca.

“Non può essere lei!”-pensò-“è impossibile”.


L’aveva gettata in mare venti anni prima, dalla nave da crociera in cui era con la sua giovane sposa (viaggio di nozze si diceva allora). C’erano dentro i loro sogni, i loro progetti, le loro speranze, le loro certezze, la freschezza del loro amore.
Poi c’era stata la vita, le difficoltà del lavoro, i figli, la fatica della quotidianità…e tutto si era sgretolato. E adesso lui era lì lì per andarsene, e quella mattina era uscito apposta per stare solo, per trovare il modo per dire basta senza ferire troppo nessuno.


Tirò fuori la bottiglia, ruppe il collo e prese il foglietto. Lo aprì …”PER SEMPRE”.


Per sempre quegli sguardi, per sempre quelle risate, per sempre quelle lacrime, per sempre il caffè al mattino e le chiacchiere sul divano, per sempre gli occhi innamorati di sua moglie, per sempre gli abbracci dei bambini, per sempre la spesa del sabato mattina e il pranzo della domenica con la torta fatta in casa.


E piano piano svanivano i litigi furiosi, i rancori covati nel nulla, la noia della quotidianità, ed emergevano le tenerezze ormai sepolte e quasi timorose di manifestarsi, la certezza dei sentimenti, mai veramente morti, la speranza di una rinascita, quasi annunciata dal sole che, lasciando il suo letto nel mare, saliva piano piano nel cielo.


Era ora di ritornare a casa.


8 commenti:

  1. Bellissima! Un finale pieno di amore e speranza, tutto si può affrontare se si vuole.
    Grazie infinite stella!
    È un vero piacere averti nel gruppo, spero che tornerai ancora! ☺

    RispondiElimina
  2. Anche tu hai lanciato una bottiglia in viaggio di nozze?
    Nessuno sa a cosa va incontro quando si sposa ma PER SEMPRE richiede un lavoro costante di affinamento e affiatamento da entrambe le parti.
    In fondo,la parabola del seminatore si può applicare anche agli sposi.
    Se il loro amore è terreno fertile darà buoni frutti.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo, mi piace molto il tuo racconto e spero che continuerai a scriverne altri...buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
  4. Che bel racconto. Ci dona speranza.
    Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  5. Dolcezze sei bravissima!
    Continua a scrivere perché hai saputo trasmettere tante emozioni.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  6. Molto bello! E ha ragione Maria: hai saputo emozionare il lettore. E non è affatto poco!

    RispondiElimina
  7. Ma che bello ritrovarti qui, qui, nel senso tra i partecipanti all'iniziativa di Patricia, Dolcezze! ^_^... Ero sicura che avresti brillato a scrivere un finale... e infatti!
    BELLISSIMO: intimo, intenso, musicale, significativo, universale e... sopratutto attuale. Di un'attualità che va controcorrente rispetto ai pensieri che fa il protagonista, perchè oggi pare sia più facile dire ARRIVEDERCI che ricordarsi di quel PER SEMPRE buttato tra le onde della vita un tot di tempo prima.
    A proposito, io non l'ho lanciata la bottiglia in luna di miele 0-0!!!... Devo correre ai ripari, varrà lo stesso se la lancio nel Tevere sei anni dopo?... mmmmhhhh
    TI ABBRACCIO DOLCEZZE, SEMPRE CON INFINITO AFFETTO <3

    RispondiElimina
  8. Galeotta fu quella bottiglia. Un racconto amaro e dolce al contempo.
    Tante copie dovrebbero ritrovare quella bottiglia galeotta.
    Complimenti.

    RispondiElimina