Di tende di lino e UFO* recuperati


Nella vita precedente Dolcezze era iperattiva: pur avendo un lavoro, una casa e due bambini piccoli riusciva a fare un'infinità di cose. Dal momento che aveva comprato un bellissimo taglio di lino azzurro, aveva deciso di farne un copriletto per il corredo della Stella. L'idea era quella di creare delle applicazioni a filet e poi ricamare ad intaglio. Aveva pure cominciato con il medaglione centrale, ma poi il progetto era stato accantonato. Del resto era nato il Cucciolo, Villa Arzilla aveva cominciato il suo lento declino e il tempo di Dolcezze si era drammaticamente assottigliato. Il medaglione era rimasto nel cesto degli UFO* e ormai Dolcezze quasi non lo ricordava più.  Poi c'è stata la ristrutturazione del bagnetto, la necessità di rifare la tenda perché la precedente, sempre ricamata, aveva dei colori che non andavano più bene col nuovo rivestimento,  e Dolcezze si è  ricordata del medaglione: ha comprato il lino, ha cominciato a lavorare...e si è rotta la spalla.  Soltanto ieri, acquistata un minimo di mobilità,  nonostante il dolore, è riuscita a portare a termine l'impresa e vi  mostra la nuova tenda così com'è, appesa storta, stirata non perfettamente, stropicciata dall'Erede nel montaggio, perché, stranamente, nonostante le imperfezioni, Dolcezze è soddisfatta del suo lavoro.  


Voi che ne dite?

*UnFinished Objects, lavori cominciati e non completati

Commenti

  1. Mi piace, mi piace anche il bianco su bianco. Però sono curiosa di vedere l’azzurro del lino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quale azzurro? Il lino è bianco!

      Elimina
    2. Scusami, ho capito ora. Quando riuscirò a tirarlo fuori per fare qualcosa lo vedrai su questi schermi 😉

      Elimina
  2. La tenda è bella, ma non ho capito cosa copre. Davvero c'è una finestra là dietro? Sembra il centro della doccia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, c’è una finestra. La doccia è alle spalle del lavabo

      Elimina
  3. Te l’ho già detto in altra sede: è bellissima, complimenti.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Complimenti, davvero: molto bella e che grande lavoro c’è dietro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì, vista la mia lentezza è veramente un lavoro di anni😂

      Elimina
  5. Una tenda da sogno, elegantissima e principesca

    RispondiElimina
  6. a ricamare così io non ci riuscirei mai! Complimenti di cuore, è bellissima :-)

    RispondiElimina
  7. Questa tenda è bellissima, valeva proprio la pena portare a termine l' ufo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Se sapessi quanti altri pizzi a filet ho nel cesto degli ufo!

      Elimina
  8. Bellissima la tenda, invidio che riesce a mettere insieme il ricamo o l'uncinetto con il lino.
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci provo...e ho pure la faccia tosta di farvelo vedere. Non so se supererei l’esame di mia zia, però...

      Elimina
  9. Un vero capolavoro, complimenti !!!

    RispondiElimina
  10. Mi unisco al coro degli apprezzamenti: è un oggetto di grande bellezza e fai benissimo ad esserne soddisfatta!
    Ma questa tenda, come tante altre cose che ogni tanto ci mostri, sta ad indicare che ogni frutto matura a tempo e luogo e che le lunghe pause non impediscono di portare un lungo lavoro a conclusione. E questo va sempre ricordato quando, davanti a un lavoro abbandonato da anni, lo guardiamo dicendo "mah. Ormai che senso ha proseguirlo?".
    Sì, sto parlando a me, non a te ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, ogni cosa a suo tempo...e chissà se ce la farò a finire tutti i lavori cominciati!
      Dai, provaci anche tu!

      Elimina

Posta un commento