Delle Cronache di Villa Arzilla 57

La Genitrice ha raggiunto Dolcezze nel Buen Retiro. Ogni anno il trasferimento è più complesso, le difficoltà motorie sempre più  gravi ma, grazie a Dio, la grinta invariata. Prima sera: riabituarsi agli spazi è sempre complicato, la stanchezza dei preparativi e del viaggio si fa sentire e dopocena, mentre siede nella poltrona…le cala la palpebra.

“Genitrice,  sei stanca? Vuoi andare  a letto?”

“No, no, una volta che stiamo insieme…È che certi momenti mi cala il sonno, come ai vecchi…”

“Ehm, Genitrice,  non è  che tu sia poi così  giovane…”

“MA NON MI VORRAI PARAGONARE AI VECCHI!”


Commenti

  1. Ma come ti permetti! :)))

    RispondiElimina
  2. Da notare che invece TU, alla tua veneranda età, dovresti invece renderti conto che non puoi più aspettarti questo e quello... 😅😅😅

    RispondiElimina
  3. 😊si sentono giovani e si offendono se per caso evidenzi che il tempo è passato. Quando in casa si parla con mio padre, si misurano le parole. 😂

    RispondiElimina

Posta un commento