mercoledì 7 novembre 2018

Delle cronache di Villa Arzilla 34

foto vintage dal web

Dolcezze è a scuola. Alla ricreazione dà una sbirciata al telefono e trova una chiamata dell' AmicoDottore. Richiama immediatamente: 
"Ho visto che mi hai cercato. Hai bisogno di qualcosa?" 
"Sei all'ospedale per la visita?" 
"No, a scuola, perché? La visita della Genitrice è domani" 
"E allora Genitrice dov'è? Io suono da dieci minuti e nessuno mi risponde. Anzi, ora che guardo, la casa è tutta chiusa." 
"Non è possibile! Forse è in balcone e non sente e la badante è per la spesa. Comunque, aspetta che la chiamo subito. E arrivo, così vediamo".

Dolcezze corre, immaginando gli scenari più apocalittici, finché riesce a contattare la badante: "Dov'è Genitrice?" "Genitrice parrucchiera!" "Ah, ecco perché non sente! Sarà sotto il casco!" Ma quando arriva a casa Dolcezze trova tutto sbarrato e il medico dietro la porta, finché vede arrivare la badante: "Ma Genitrice dov'è?" Genitrice parrucchiera! Io detto!" "Cioè, fammi capire...GENITRICE E' ANDATA DALLA PARRUCCHIERA? Non è venuta la parrucchiera a casa?" "Sì, parrucchiera non potere venire e allora Genitrice è uscita lei. Ora vado a prendere"
Arriva e Dolcezze, lievemente alterata, le chiede conto e ragione: 
"Ma come, stamattina mi hai detto che non ti potevi muovere e poi hai fatto tutte quelle scale per andare dal parrucchiere? Ma se non esci da mesi! E poi senza dirmi niente!"
"Senti tu, io non devo dare conto a te di quello che faccio. Se te l'avessi detto tu me l'avresti impedito. Domani devo andare per la visita in ospedale: volevi che mi presentassi tutta in disordine?"
E Dolcezze, che si guarda allo specchio e vede l'immagine di una strega scarmigliata conclude: 
"Hai fatto ben, Genitrice. Hai sempre ragione tu"

10 commenti:

  1. Da inferma di lungo corso, ti garantisco che qualche moderato colpo di testa fa bene alla vitalità. Detto questo, e fermo restando che sono d'accordo che il decoro è importante, non capisco perché nin sia andata con la badante.
    O forse sì, lo capisco benissimo. Ma cerca di ritagliarti qualche spazio anche per te e lascia che i più giovani di casa imparino a gestirsi la nobile arte di attaccarsi al treno - perché anche tu hai diritto a non essere in disordine, e secondo me tendi a dimenticartene. Lo so che per te è un periodo difficile, ma siam tutte buone a essere ben rileccate quando intorno a noi tutto funziona ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero la badante l'ha accompagnata e poi è andata a prenderla. Io ti confesso che invidio la sua volontà di ferro e la sua tenacia nel difendere il suo ordine, fisico e mentale. E ti confesso anche che, appena lei è rientrata a casa, dal parrucchiere ci sono andata io, invece di andare alla posta x sbrigare le sue cose...

      Elimina
  2. Ahahaha
    Risata sarcastica.
    Consentimi due considerazioni:
    1. le mamme hanno sempre ragione.
    2. quando una donna va dal parrucchiere, ha in mente progetti bellici.. Altro che la visita medica. Controllatela a vista nei prossimi giorni.. ;)

    Mi sono permessa di ironizzare, per strapparti un sorriso. Posso solo immaginare l'ansia che hai provato.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...i progetti bellici erano la visita medica. Lo spavento però per me è stato grosso

      Elimina
  3. ..esilarante, come sempre! Meno male rendi positivi con i tuoi racconti questi momenti da batticuore (per te figlia!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' decisamente un modo per esorcizzare la paura. Ti confesso che lo scenario che si era presentato davanti ai miei occhi era veramente spaventoso.

      Elimina
  4. Descrivi queste situazioni così bene che mi sembra di essere li....o forse é perché le vivo anch'io:( fanno sorridere solo quando la paura é passata!

    RispondiElimina
  5. Il medico ha avuto una pazienza encomiabile. Tua madre è ingestibile per la sua testardaggine e tu ormai sei arrivata. Prendi il consiglio di Murasaki, una minima dose di egoismo ci permette di sopportare meglio lo stress

    RispondiElimina