Di cactus

Dolcezze ama i fiori, soprattutto quelli primaverili, e quando è la stagione ha la casa sempre piena; ha sempre pensato, però, di non avere il pollice verde, visto che tutte le piante del suo balcone hanno vita breve. Quando, però, ha notato che nel Buen Retiro le sue cure alle piante avevano successo, ha finalmente compreso che il problema non era lei, ma l'esposizione ai quattro venti del suo balcone e ha deciso che si dedicherà al giardinaggio solo in vacanza. 
Il Buen Retiro, però, è molto soleggiato e, dopo anni di esperimenti, Dolcezze ha deciso che, a parte qualche vaso fiorito, lo avrebbe abbellito con piante grasse, che hanno una migliore resistenza al soleggiamento (e che danno anche qualche piccola soddisfazione). Così quest'anno è stato tutto un cercare talee da aggiungere ai vasi già posseduti e il Buen Retiro è diventato una mini Arizona. 



Siccome, però, di piante grasse non ce n'erano abbastanza (e quando parte una nuova passione le idee si scatenano) Dolcezze ha pensato bene di creare ...ed è nata questa piantina, che sicuramente non avrà problemi di adattamento al sole o all'acqua 




che fa il paio con questa

fatta tanti anni fa insieme alle amiche dell'Isola Creativa (e mai mostrata qui).

Vediamo quanto durerà la cactus-mania...intanto Dolcezze raccoglie altre talee per la casa di città e fa strane riflessioni, di cui forse vi metterà a parte.
A presto.

Commenti

  1. Lo sai che mi piacciono un sacco le piante grasse realizzate all'uncinetto? Nella mia città organizzano spesso mercatini artigianali, e m'incanto sempre a guardarle.

    RispondiElimina
  2. Le piantine all'uncinetto sono favolose!!!

    RispondiElimina
  3. Bellissime sia le piante vere che quelle uncinettate. Col clima che abbiamo in Sicilia, anch'io coltivo quasi esclusivamente piante grasse.
    Bacioni,
    Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho cominciato quest'estate, ma me ne sono già innamorata

      Elimina
  4. che bellezze!sei bravissima :-)

    RispondiElimina
  5. Le piante grasse sono meravigliose, vere e non.
    Pure io, negli ultimi anni, ho indirizzato il pollice verde nel mio Buen Retiro. In città è una continua frustrazione. Manco per troppo tempo, vivo in una mansarda che in estate deve per forza di cose essere nel buio più totale, pena la sopravvivenza, non ho balcone o terrazzo... 😂 😂 😂... E poi mia madre, che teoricamente dovrebbe aiutarmi nella gestione delle piante durante le assenze, ha la fastidiosa abitudine di annegare le poverine.... Lasciamo perdere... Mi deprime il solo pensiero

    RispondiElimina

Posta un commento