lunedì 21 maggio 2018

Di corvi e di presenze


Ricordi quando scherzavamo sulla "nciuria"* di famiglia e mi raccontavi da dove derivasse? Un corvo che, almeno un secolo fa, si era fiondato su una mensa imbandita e aveva rubato un pezzo di formaggio, suscitando insieme l'ira e il divertimento di un lontano antenato. Questa storiella aveva modificato il mio modo di vedere i corvi: non uccelli del malaugurio, non protagonisti di racconti horror, ma burloni profittatori, abili a cogliere tutte le buone opportunità. 

Ieri nel Buen Retiro ho visto un corvo. Tutto nero, impettito, mi guardava entrare in casa, mentre tutti gli altri uccellini (che poi ho scoperto aver fatto il nido nella mia siepe), volavano via impauriti. Stamattina, mentre prendevo il caffè, l'ho rivisto, fermo sul pruno, a guardarmi, per nulla spaventato dalla mia presenza. 
Allora ho capito. 
E quando lui ha capito che io avevo capito è volato via e non si è più visto.

Grazie per questo incontro. Mi piace pensare che, ovunque tu sia, tu mi stia a guardare.


* "nciuria" vuol dire soprannome. Nei paesi aveva la funzione di distinguere i vari rami di una famiglia con lo stesso cognome. Anticamente prevaleva nell'uso sul cognome stesso.

7 commenti:

  1. Ci sono momenti in cui abbiamo bisogno di un segno. Il segno è arrivato. Ma tuo padre ti è accanto e soprattutto nell'anima per quello che ha seminato dentro di te. Forza!!!

    RispondiElimina
  2. Da wikipedia:
    Il corvo imperiale nella mitologia

    (...)nella maggior parte delle culture questo animale ha assunto la funzione mitologica di tramite fra il mondo terreno e quello spirituale, oppure quella di psicopompo (traghettatore delle anime verso l'aldilà)
    E' un animale PSICOPOMPO, parola del giorno!
    ciao
    Betty

    RispondiElimina
  3. @ Solsido: e proprio come segno io l'ho interpretato. Ho bisogno di essere un po' supportata...
    @ Betty: non lo sapevo!!! Che bella cosa!

    RispondiElimina
  4. Non so se ricordi il film "Il Corvo" con Brandon Lee, nel film muore e grazie ad un corvo che si posa sulla sua tomba e lo "traghetta " appunto dall'aldilà gli permette di vendicarsi di che l'ha ucciso
    ciao
    Betty

    RispondiElimina
  5. Che bello questo post cara Dolcezze.
    Bella questa tua immagine.
    Tuo papà ti è sicuramente vicino in tanti modi.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  6. Il corvo è animale magico per eccellenza. Non portano solo anime, ma anche messaggi, auspici, presagi... e incantesimi. In tutti i casi vanno trattati con grande considerazione e rispetto!

    RispondiElimina
  7. E perché no? Chi dice che non sia veramente così?

    RispondiElimina