giovedì 19 ottobre 2017

Di marmellata di limoni (di recupero)

Questa non è una ricetta normale, ma il modo che Dolcezze ha trovato per utilizzare i limoni usati per il Limoncello, visto che proprio non sopporta lo spreco. Una volta aveva provato a congelare il succo, ma il risultato non era stato buono, anche se comunque lo aveva "riciclato" per mettere a macerare il pollo, ma niente di che. Stavolta ha pensato di fare la marmellata, ma tutte le ricette reperite prevedevano polpa e buccia...e ovviamente lei le bucce non le aveva. Ha pensato che, comunque, tentar non nuoce e, alla peggio, avrebbe perso un po' di zucchero...e ha cominciato.

Ha spellato benissimo i limoni, portando gli spicchi a vivo, poi li ha tagliati a pezzetti e ha tolto i semi (e questa è stata la parte più fastidiosa: c'erano più semi che succo!). Ha poi pesato succo e polpa e ha aggiunto la stessa quantità di zucchero e ha messo tutto nel boccale del Bimby a 100° (ma avrebbe potuto anche mettere in pentola a fuoco vivo). Nel frattempo ha sbucciato un limone (solo la parte gialla), l'ha tagliata a filettini e l'ha fatta bollire per 10 minuti, cambiando l'acqua 3 volte. Quando la marmellata era quasi pronta ha aggiunto le scorsette di limone e ha portato a cottura. Ha riempito i vasetti, li ha capovolti per creare il sottovuoto e poi, tanto per abbondare, li ha sterilizzati, facendoli bollire per 20 minuti.
Non ha foto dei vari passaggi perché non pensava che venisse buona...e invece è ottima, un po' aspra, ma gradevolissima sul pane tostato imburrato e sulle crostate. Questa foto, invece, ve la può far vedere


Non è perfetta, ma non c'è stato il tempo di cercare una migliore inquadratura...ha fatto un volo!


Questo è un post "riciclato", nel senso che Dolcezze l'aveva scritto tempo fa ed era rimasto tra le bozze. Lo pubblica ora perché non ha il tempo di scrivere alcunché (anche se avrebbe tante cose da dire) visto il terzo femore rotto e il badante di Villa Arzilla 2 che ha dato forfait. Pensatela in questi giorni.
 

2 commenti: