domenica 5 marzo 2017

Di cronache dall'ospedale



Appena arrivi all'accettazione in ospedale cessi di essere persona: braccialetto, numeretto..."Il numero 10 può entrare!" Meno male che poi al reparto torni ad avere nome e cognome. "Ma, scusi, lei si chiama Dolcezze?" "Sì, è il nome di mia Nonna" "Mai sentito". E Dolcezze si tranquillizza, perché è una vita che risponde a questa domanda. 
"Può prepararsi". E Dolcezze tira fuori la sua camicia da notte e le sue vezzose ciabattine Shabby e si ritrova in compagnia di due arzille "belle signore"(...del resto anche lei è una bella signora) e qui comincia l'avventura.

La bella signora n° 1 ha 65 anni e ne dimostra 55: comincia a parlare alle 8 di mattina e smette solo il giorno dopo. In 24 ore racconta a Dolcezze (anche quando questa fa finta di dormire per avere un minimo di requie) tutta la sua vita, compresi i particolari della sua prima notte di nozze. E qui si taccia.
La bella signora n° 2 ha 62 anni e ne dimostra 75, segno inequivocabile che avere 2 figli o averne 5 non è proprio la stessa cosa. Pur avendo partorito e cresciuto 5 figli, al momento dell'intervento è sola con una cognata. Una figlia arriverà solo in serata. E qui Dolcezze tristemente riflette...
Nella camera c'è la televisione, che viene immediatamente accesa su Rete 4 ("Perché io, signora Dolcezze, vedo solo Rete 4 o Italia 1 o Canale 5, le reti nazionali manco le accendo") e così Dolcezze si fa una cultura sui programmi Mediaset e ascolta dalla Bella Signora 1 l'intero repertorio di lamentele e questioni sui soldi dati ai migranti, sugli extracomunitari a cui vengono concesse le case e i soldi dovuti agli Italiani, sulle bugie di Renzi e sui politici ladri.
Passata per tutte e tre la fifa da anestesia e intervento, comincia la serie di lamentele. Visto che, grazie a Dio, non ci sono particolari dolori, il centro del problema comincia ad essere la cannula, che gli infermieri toglieranno solo alla dimissione. "Non posso dormire. Mi dà fastidio. Ma perché non ce la tolgono? E' insopportabile." Per la serie: questione di scala.

In tutto questo ambaradan l'unica presenza rassicurante, silenziosa e costante è stato l'Amato Bene, dall'alba al tramonto, o nella stanza o davanti alla porta. Ma quando finalmente tutto è finito e si è ritornati a casa, si è afflosciato come un sacco vuoto ed è crollato. 
Del resto Dolcezze è tornata a casa, quindi sta bene, quindi lui può mollare...e no! Ha da fare le iniezioni, di nuovo: non ce la potrà fare.




14 commenti:

  1. Per tutto il post ho pensato: "Speriamo la dimettano presto perché con quelle compagne di stanza può solo peggiorare", poi per fortuna arrivata alla fine ho visto che sei già a casa... :-) Buona convalescenza e in bocca al lupo all'Amato Bene per il suo ruolo da infermiere ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Dolcezze, tanti auguri di pronta guarigione!
    Buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  3. Solidarietà e tanti auguri per una felice convalescenza.
    Sono sicura che la pratica passata aiuterà a meraviglia l'Amato Bene per le iniezioni ^_^

    RispondiElimina
  4. @ tutti: grazie, grazie! Speriamo bene e cercherò di approfittarne per riposare un po' (anche perché è l'unica cosa che posso fare)

    RispondiElimina
  5. Ciao Dolcezze, ho letto sorridendo le tue crocache ospedaliere perchè una situazione simile è toccata a me anni fa, soprattutto per quel che riguarda la televisione: compagne di camera ferratissime su tutte le telenovele in circolazione e guai a chiedere di vedere un TG o un altro tipo di programma.
    Per il resto ti auguro di rimetterti presto e complimenti al marito- infermiere, il mio non ci proverebbe sicuramente!
    Un abbraccio e buona convalescenza

    RispondiElimina
  6. Riesci a farmi ridere anche raccontando di te all'ospedale, che forte che sei.
    Spero ora tutto bene, buona convalescenza.
    Anche mio marito un paio di mesi fa si è dovuto improvvisare infermiere e imparare sulla mia pelle a fare iniezioni... ma devo ammettere che è stato bravo. =)))
    Dani

    RispondiElimina
  7. @ Adriana: effettivamente, in caso di degenza più lunga sarei impazzita. Considera che io vedo pochissima televisione...e mi mancano, ovviamente, tutti i programmi del mattino e del pomeriggio!
    Grazie del supporto!
    @ Dani: o ridiamo o ridiamo, no? Anche mio marito è diventato bravissimo, ma ogni iniezione lo distrugge. Ha paura di farmi male...e così fa peggio!

    RispondiElimina
  8. in bocca al lupo, guarsci presto!

    RispondiElimina
  9. Pensare al ospedale fa venire i brividi ma tu sei riuscita a farmi ridere e riflettere perché sono rimasta colpita dalle tue osservazioni acute. Sei una forza di natura e con tutto il cuore auguri per la tua riconvalescenza

    RispondiElimina
  10. Tenero il marito che non ti lascia un solo istante.
    Auguri.
    Sulle compagne di stanza potrei fare romanzi a puntate.
    E pure sui parenti

    RispondiElimina
  11. Augurissimi di pronta guarigione!! :*
    e in bocca al lupo anche all'Amato Bene... per le punture... ha tutto il mio sostegno!! (soprattutto tu...)
    un abbraccio affettuoso
    <3

    RispondiElimina
  12. Sei una forza della natura, l'ironia e l'acutezza non ti mancano, mi sono rivista in situazioni paradossali simili. Però per le punture mio marito noncelapuòproriofare ;)))
    Auguri di pronta guarigione, ma soprattutto disintossicati dai programmi autoforzati TV ^__^

    RispondiElimina
  13. Certo carissima che riesci a farmi ridere anche parlando di ospedali. Che compagnia "piacevole" hai avuto!
    Spero che ora tu stia meglio.
    Bravissimo tuo marito!
    Un forte abbraccio
    Maria

    RispondiElimina