sabato 5 novembre 2016

Di Peppino e di Penelope



Mio caro, 
è giunto il momento che noi due facciamo quattro chiacchiere:  non posso attendere oltre.
La nostra storia è ad un punto morto. 
Ti ho accolto con gioia ed entusiasmo, ho consacrato a te tutto il mio limitatissimo tempo libero, ti ho pensato notte e giorno, a te ho sacrificato i miei polsi e la mia cervicale. 
Per amore tuo non leggo più, ho tagliato i ponti con gli amici, non esco, i compiti giacciono abbandonati sulla scrivania, il blog langue...perché voglio solo stare con te. 
Tutti si interrogano sulla mia sparizione, ma io non posso parlare di te con nessuno: so che non capirebbero.
Temevo che la nostra storia non sarebbe stata facile: troppe differenze tra noi. 
Sapevo che non eri alla mia portata: troppo grande, troppo bello, con troppe particolarità...ma io sono una che ama mettersi alla prova e, del resto (modestia a parte), difficilmente qualcuno che mi resiste, tranne te, appunto.

Ora basta: o collabori o ti distruggo: E PARLO SUL SERIO. 
Finora non ho mollato giusto perché non amo lasciare le cose a metà e perché non posso accettare di aver sbagliato una scelta. Devi capirmi: non è possibile che io abbia lavorato tanto per te e mi ritrovi sempre allo stesso punto. 
Il ruolo di Penelope non lo accetto più. Sono stufa di scucire e rifare, scucire e rifare, scucire e rifare: ora smettila di opporre resistenza e portiamo a termine questa faccenda, una volta per tutte. 
Mancano solo 10 giri. Ce la posso fare.

La lettera è indirizzata a Peppino, nome familiare per Peipponen, il meraviglioso scialle oggetto del Kal dell'Isola Creativa, col quale Dolcezze combatte da due settimane. Se riuscirà a finirlo ve lo farà sapere, altrimenti ...di lui non rimarrà neanche un filo di lana.

 

7 commenti:

  1. Hai bisogno di uno bravo,moolto bravo!

    RispondiElimina
  2. Ho visto 'sto Peppino da Rosa: una vera meraviglia!
    Io non mi ci sono ancora messa...ma non credo sia alla mia portata...un caro saluto e buona serata!!
    Carmen

    RispondiElimina
  3. Peppino è un osso duro, ma con forza e tenacia riuscirai a domarlo. Non mollare e tanti auguri!

    RispondiElimina
  4. Peppino è un osso duro... Ha bisogno di molte attenzioni e attenzione!

    RispondiElimina
  5. Com'è finita poi?
    Amo queste storie di amori contrastati ^__^

    RispondiElimina
  6. Forza Dolcezze, alla fine l'hai spuntata tu !! Sei troppo forte !!!
    Ciao da parte di chi Peppino l'ha un po' imbrogliato...e sai cosa intendo hi hi

    RispondiElimina
  7. Oh mamma mia! Mi sento un tantino responsabile di cotanto travaglio, nel senso italiano e siciliano del termine. :))
    Ma io SO com'è finita la tua storia con il finlandese Peppino. Benissimo è finita! Come una novella Davide contro Golia l'hai finalmente battuto. E quindi sono felicissima di averti trascinata in questa impari lotta col Peipponen. Adesso ti trovi tra le mani un bellissimo scialle e un bagaglio di esperienza da advanced knitter da spendere in mille altre avventure creative. Alla faccia di Peppino! ;)))

    RispondiElimina