lunedì 6 giugno 2016

Di colloqui con i genitori 3

dal web


Ufficialmente i colloqui con i genitori si concludono un mese prima della conclusione dell’anno scolastico; quest’anno, dalle parti di Dolcezze, il 9 maggio. Ciononostante qualche genitore appare a scuola, si ferma al semaforo, stalkera al supermercato...e si apposta nell’androne della scuola.

“Professoressa Dolcezze, volevo dirle che oggi Ninni non è a scuola”
“Non è una novità, signora. Deve essere interrogato, e da più settimane evita in maniera scientifica le mie ore, con assenze strategiche, entrate posticipate e uscite anticipate…Penso che lei lo sappia bene, visto che produce ogni volta la giustificazione”
“Sì, sì, professoressa, lo so…ma, sa, il ragazzo sta attraversando un brutto periodo e non riesce proprio a venire a scuola. Sto pensando di portarlo ora dallo psicologo”
“A questo punto dell’anno? Sono mesi che mi dice che il ragazzo ha problemi, anzi, se ricordo bene, sono cominciati proprio alla fine dell’anno scorso, a metà aprile…”
“Sì, professoressa, ha ragione…ma cosa posso fare? Lui ha questi crampi allo stomaco, ma ha studiato, ha studiato, glielo posso giurare”
“Sicuramente, signora, ma, sa, avrei proprio bisogno di sentirlo, sia in italiano che in latino…le valutazioni che ho non sono certamente sufficienti”
“Ninni ha fatto il latino con mia cognata, ha ripetuto l’italiano a me e le garantiamo che sa tutto. Non basta?
“…”

6 commenti:

  1. quando leggo,vedo o sento certe cose mi chiedo che generazioni future stiamo crescendo...

    RispondiElimina
  2. Certo che ce ne vuole, di pazienza...

    RispondiElimina
  3. Glielo hai dato il registro?
    In questi casi io inviterei il genitore a mettere direttamente il voto al figlioletto.

    RispondiElimina
  4. Non ho parole, ma veramente si arriva a questi punti?
    Adriana

    RispondiElimina
  5. @ mammamedico e a mamma avvocato: me lo chiedo spesso anch'io, e purtroppo mi rendo conto che molta responsabilità ce l'abbiamo tutti noi genitori. Qualcosa si è inceppato e abbiamo cominciato ad essere "amici" piuttosto che educatori. Da qui il diluvio
    @ Murasaki: Infinita, Murasaki, infinita...
    @ Solsido: Mannaggia! Perché non ci ho pensato io?
    @ Adriana: Sì, a questo punto e anche oltre. Ti può pure capitare l'aggressione verbale o, peggio, fisica

    RispondiElimina