domenica 6 marzo 2016

Del compleanno: il catering


dal web
Dolcezze si avvia a traguardi importanti e tutta la famiglia  è proiettata verso un' adeguata celebrazione. A onor del vero a Dolcezze fa molto piacere festeggiare il compleanno, ci tiene proprio, e ogni anno organizza grandi cene con gli amici più cari, cucinando per due giorni di fila. Quest'anno l'Amato Bene ha categoricamente proibito la preparazione dell'ennesimo pranzo di Babette e, quindi, urge trovare un'adeguata alternativa. Si fa qualche telefonata, si ascoltano i consigli e i suggerimenti e, finalmente, si va a vedere qualche locale o, meglio, qualche servizio di catering. 
Gli amici sono quelli cari di sempre, più qualche new entry, altrettanto cara, tutti forniti di mandibole robuste e di sano appetito e nel gruppo sono presenti almeno 4 maschi adolescenti più il Cucciolo che, sarà ancora bambino, ma mangia a tinchité. 
Bene. Dolcezze ha sempre preparato buffet vari e abbondanti, introducendo il piatto sfizioso, la novità, e il tutto presentato con una certa cura nei dettagli, tra l'altro. Questo per dire che sia lei che l'Amato Bene tanto digiuni di "ricevimenti" non sono. 
Si va nel locale di grido, il più quotato al momento in città, perché il Dolce Sposo ha deciso che per questo evento si deve avere il meglio.
Si entra e si viene accolti da un'elegante signora che parla con la bocca semichiusa e comincia a proporre i suoi menu: 
A.B."Aspetti, non è bene che le esponiamo le nostre esigenze?
S."In genere propongo io...Perché? Lei cosa avrebbe in mente?"
D."Beh, pensavamo a qualcosa come un aperitivo rinforzato"
S."Allora, io penso che potrebbe andar bene una serie di antipasti."
A.B."E basta?"
S."Se vuole, ma proprio se vuole, potremmo aggiungere dei primi..."
A.B."Ok, vada per i primi. Cosa ci propone?"
S. "Io penso che potrebbe andare bene del riso nero con verdure e del cuscus, oppure dell'hummus di ceci"
D."Va bene, poi vediamo...e gli antipasti? 
S."Bastano cinque piccoli finger food: dei bastoncini con sesamo, un plumcake di verdure, delle polpettine di carne...e il tortino di carota"
D."E basta?"
S."Ma signora, non vorrà far ingozzare i suoi invitati! Si saziaranno con gli occhi, non tema!"

E in quel momento davanti agli occhi di Dolcezze e dell'Amato Bene, perfettamente sincronizzati, appare la visione degli uomini e dei ragazzi invitati che mangiano i tortini di carote e l'hummus coi crostini...per poi passare a divorare i piedi dei tavolini e a saccheggiare la dispensa.

Ok. Evidentemente tutti e due non sono dei tipi raffinati: se ne faranno una ragione.

2 commenti:

  1. Sti finger food sono una piaga.
    Costano un botto e non mangi niente.E poi bisogna considerare gli invitati.Quando io ho compiuto 50 anni ho avuto una discussione animata con un ristoratore molto quotato che voleva rifilarmi per forza il menu approntato per un altro cliente,il tal dottore...non lo conosce?per lui era importante farmi sapere che tipo di clientela avesse.
    Alla terza volta che mi ha chiesto se conoscessi cotanto luminare l'ho letteralmente mandato a quel paese,a lui e al suo ... menu

    RispondiElimina
  2. Magnifici! Hanno deciso cosa volevi, cosa volevano i tuoi invitati e financo cosa NON volevano. Manca solo che si mangino direttamente il tutto, per risparmiarvi l'incomodo di muovere le mascelle e il disturbo di digerire, e avrete davvero speso bene i vostri soldi ^__^
    (sono sicura che non avrete difficoltà a trovare qualcosa di più tradizionale che lasci più sazi festeggianti e festeggiati)

    RispondiElimina