giovedì 31 dicembre 2015

Di bilanci (creativi e no)






Se ricordate l'inizio di questo 2015 non era stato dei migliori: nasi rotti, malefici virus, gonfiori molesti, uniti alle ferali profezie dell'oroscopo di Paolo Fox, avevano fatto temere il peggio. Ma ora che siamo arrivati all'ultimo giorno dell'anno, è tempo di bilanci, che vi propongo in stretto ordine alfabetico:

Amici: tanti e cari. Cosa chiedere di più?

Casa: i primi 3 mesi dell'anno sono stati un incubo (riflettendoci...forse l'oroscopo si riferiva a quelli...), ma adesso ho la cucina nuova (...ehm, nuova è una parola grossa...diciamo che è molto "vissuta")

Creatività: qui il bilancio è più che positivo. Praticamente non sono stata ferma un attimo: ho imparato a fare borse (di fettuccia e di feltro), l'uncinetto tunisino, il patchwork senz'ago,  ho ultimato degli UFO, sono impazzita per il feltro, ho fatto collane (che vi farò vedere quando tutte saranno state recapitate)...solo il ricamo è stato trascurato, ma spero di rimediare.

Famiglia: Amato Bene sempre più brontolone e pantofolaio, ma meraviglioso come sempre, Erede maturato e universitario, Stella sempre più studiosa (e pure innamorata), Cucciolo incontenibile, ma tenero, curioso e affettuoso.

Libri: ho letto tanto, anche se un po' meno degli altri anni. Ho trovato libri buoni, libri inutili e anche qualche libro brutto, ma è mancato il "libro dell'anno". Adesso ho il Kindle (regalo natalizio dei figli), di cui devo ancora valutare bene le potenzialità. Vedremo se cambierà le mie abitudini di lettura, come sostengono in molti.

Scuola: la Quinta è uscita senza morti nè feriti, e questo è un miracolo (Deo gratias); la Prima è diventata Seconda e sta venendo su bene e una nuova Prima è entrata positivamente in scena. La Quarta non brilla ma cammina e, nel contempo, è voce della Rivoluzione, con risultati più o meno validi.
Sulla "buona scuola" ho già detto, e non voglio pensarci oggi. L'unica nota positiva è l'immissione in ruolo della Sorella, che una serie di pastoie familiari e burocratiche aveva relegato al precariato. Ah, dimenticavo, ci sono anche i 500 euro...

Viaggi: ancora niente Provenza, ma mini-viaggi piacevoli e arricchenti dal punto di vista degli affetti, delle amicizie e della Bellezza.

Villa Arzilla: si invecchia, gli acciacchi aumentano, le frequentazioni di ortopedici, cardiologi, otorinolaringoiatri e oculisti sono , come sempre, assidue, ma il fronte ha tenuto e, incredibilmente, anche la Zia Romana (fronte ausiliario, di cui da mesi si aspettano tracolli)  resiste, resiste, resiste, accrescendo il mito di forza invincibile che l'ha sempre accompagnata.

Insomma, nonostante le infauste previsioni di Paolo Fox, fino a questo momento il 2015 è stato abbastanza benevolo, a riprova che non è opportuno mettere alla prova Babylonios numeros.
Quest'anno non mi sono ancora documentata sulle profezie (e probabilmente non lo farò), ma cercherò di vivere ogni giorno traendone tutto il bene possibile, anche se, certamente, ci saranno delle difficoltà. 
Proprio questo, insieme alla salute e alla pace, è quello che auguro a te che passi di qua. 

Per i propositi c'è ancora tempo...intanto, come diceva la Nonna...

BUONA FINE E BUON PRINCIPIO!




8 commenti:

  1. Tanti auguri di un sereno anno nuovo a te e alla tua famiglia!!

    RispondiElimina
  2. Bello l'uncinetto tunisino, ci sto facendo un tappeto. Ma il patchwork senza ago? Sono molto interessata. .....
    Buon 2016, a tutta la famiglia

    RispondiElimina
  3. Contraccambio di cuore gli auguri per una buona fine ed un altrettanto buon inizio d'anno, un abbraccio
    Adriana

    RispondiElimina
  4. Io ti auguro un buon anno di viaggi e divertimenti...che è l'augurio che faccio a me stessa.
    Ovviamente inutile e irrealizzabile dalle mie parti visto che le responsabilità aumentano,la mia personale villa arzilla invecchia un giorno per due,e tralascio il capitolo dolorosissimo di mia madre.
    Alla fine ci si augura di vivere i n salute e armonia ogni giorno che Dio ci dona.Meglio di cosi?

    RispondiElimina
  5. Tanti auguri per un 2016 senza infauste previsioni cara Dolcezze!
    Un abbraccione Maria

    RispondiElimina
  6. Beh, dai, bilancio niente male!!!
    Che dirti, Liria?
    Spero di essere più assidua nel passare di qui, perché ultimamente mi sono un po' persa, ma é stato un periodo un po' strano, con ritmi tutti suoi, ai quali non mi sono per nulla abituata.
    Un grande abbraccio, mia cara

    RispondiElimina
  7. Auguri per un 2016 ancora più creativo, e auguri doppi e dita incrociate per il resto!

    RispondiElimina
  8. Buona fine e buon inizio anche a Te, Dolcezze!... :))

    RispondiElimina