lunedì 9 febbraio 2015

Di maglite acuta e di scaldacolli

Da qualche mese, per colpa di Rosa, sono stata colpita dalla Maglite acuta, malattia fortemente contagiosa, che ti porta ad acquisti compulsivi di lana, a continui andirivieni dalla merciaia, a serate sul divano e abbandono di tutti gli altri lavori cominciati. 
Entri in un tunnel perverso che danneggia anche il tuo tunnel carpale, oltre che la tua cervicale...crea una terribile dipendenza e non riesci più a smettere. 
Da novembre in poi ho fatto 4 scaldacolli, una sciarpona, due cappelli, una sciarpetta e, approfittando delle lezioni di Assia, complice un Kal dell'Isola Creativa, ho sferruzzato ben due scaldacolli a punto catinelle che lei ci ha insegnato. 

Il primo è quasi un mini poncho,



il secondo, invece, è più piccolo (e più fedele alle indicazioni della prof)




Al modello di Assia, come si può vedere, ho aggiunto dei fiori di lana fatti all'uncinetto. 

Vi risparmio tutte le altre creazioni, ma vi moglio mostrare una bella stola che ho realizzato con una lana particolare che mi ha dato molte soddisfazioni

e che ho abbellito con un doppio fiocco di raso.

Inutile dire che ho già in casa la lana per ulteriori tre lavori. 

Se conoscete una cura per questa grave patologia, per favore datemi informazioni: se continuo a sferruzzare tutte le sere, l'Amato Bene chiede la separazione!


 Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina” 

5 commenti:

  1. Non guarire mai! Maglite acuta forever se questi sono i risultati! Bellissimo lo scaldacollo con fiocco di raso! E in quanto aall'amato bene...ffai uno scaldacollo pure a lui!
    Baciotti ♡♡♡

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    ....Sono bellissimi! .....Ha ragione Pinkg che scrive qui sopra: non guarire mai ...e viva lo scaldacollo maschile! ;)
    Michela

    RispondiElimina
  3. Averne di contagi simili!
    Se questi sono i risultati poi.... ben vengano.
    Se gli sferruzzi un maglioncino magari il marito ti perdona... o no? =)
    Dani

    RispondiElimina
  4. Certo che é una malattia che dá dei buonissimi frutti!
    Non guarire mi raccomando!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  5. Ciao, che simpatico il tuo blog, già dalla tua presentazione sotto il titolo viene voglia di conoscerti.... complimenti per i tuoi lavori...meglio la maglite che l'influenza no!!!! ti seguo, a presto Gabry

    RispondiElimina