lunedì 12 gennaio 2015

Delle cronache di Villa Arzilla 1





Come forse ha già detto, Dolcezze gestisce una casa di riposo. No, no…non si tratta di un secondo lavoro, ma dell’amministrazione di tre case e mezza, ché lei a Donna Prassede ci fa un baffo. Facendo un rapido calcolo, ha da governare, oltre la nota, caotica e affollata casa Dolcezze, un’allegra brigata che comprende 5 ottuagenari ”avanzati” e 2 quasi ottantenni, per un totale di 568 anni. 
E scusate se è poco.
Già l’impresa sarebbe titanica in condizioni normali, ma se agli acciacchi dell’età e alle difficoltà motorie aggiungiamo pure caratteri forti e volontà d’acciaio…la situazione si complica alquanto.

Ore 14.00: Dolcezze rientra a casa e riceve la telefonata della Genitrice:
“Ha telefonato la signora delle pulizie degli zii”
“E allora?”
“Vuole parlare con te”
Ore 14.10:
“Signora, mia madre mi ha detto che ha bisogno di parlarmi”
“Ah, signuruzza! “
“Mi dica…”
“Non sacciu cchi fari! Sua zia non mi vuole. Io sono abituata a fare tutto, ma lei non mi fa fare niente. Se faccio i letti, lei ripassa e li fa di nuovo, mi toglie la biancheria dalle mani e non mi fa stendere, scende le scale per svuotare la lavatrice perché non vuole che la tocchi io…e mi guarda male. Mi dicissi che devo fare”
Ore 14.40:
“Pronto, zia, come va?”
“Non va tanto male”
“E con Graziella?”
“Non me ne parlare! Non la sopporto! Che deve fare qui? Noi non abbiamo bisogno!”
“Zia, non è vero! Voi avete bisogno, perché la casa è grande, la zia sta male e tu ti devi riguardare”
“Ma non c’è bisogno: io ce la faccio benissimo. Che vorresti dire? Dopo una vita non so più badare alla casa?”
“Ma questo non c’entra…hai lavorato tanto, ora è il momento di riposarti.”
“E che? Non sono più buona? Guarda che io ne faccio quattro di quella”
“Lo so, ma non ti devi strapazzare, lo sai, perché se poi stai male, cosa facciamo?”
”Io non la voglio: con lei fra i piedi non sono più padrona a casa mia. E, poi, perché devo stare male? Pare che sono vecchia…”

La zia non è vecchia. E’ un’allegra giovincella di soli 84 anni e 4 mesi. 

  
...to be continued...

10 commenti:

  1. Dolcezze, dolcezze sei troppo forte!
    Non vedo l'ora di leggere il resto!
    Comunque capisco benissimo!
    Mia mamma ha 87 anni e fa ancora tutto da sola.
    Non esiste avere una donna delle pulizie o chiedere che l'aiuti.
    Contenta lei!
    Un forte abbraccio Maria

    RispondiElimina
  2. Hahahaha...
    ....conosco il genere....
    Noi abbiamo in dotazione una splendida nonna 94enne dello stesso stampo!!
    ...abituarsi e soccombere!
    Un baciuzzo ♡

    RispondiElimina
  3. Mia zia compirà 89 anni giovedì prossimo.Ha una protesi all'anca.Soffre di ipertensione.Ha già mandato a fuoco la sua casa perché fuma come una turca.
    E ovviamente non vuole una badante...
    Io ho rinunciato.Quando la troveremo morta stecchita le faremo un bel funerale e ci godremo i suoi soldi visto che non spende un soldo per se stessa.E gliel'ho detto esattamente così

    RispondiElimina
  4. Mamma mia, immagino il tuo stress... Ora lo so, Wonder Woman esiste!!! Il tuo To be continued mi fa paura!!!

    Maira

    RispondiElimina
  5. Come ti capisco......la mia nonna è arrivata a 104 anni e viveva con la sorella di 94... non ti dico quante badanti ho visto passare da quella casa!!!
    un baiser

    RispondiElimina
  6. @ Maria: Allora mi capisci! E moltiplica per 7!
    @Fabiola: Soccomberò...appunto
    @ Solsido: Non sei spietata solo con le mie collane, allora! ;-) Come ti capisco...
    @Maira: no, paura no...ma certamente c'è una novità al giorno!
    @ Roberta: Qui il problema è che non si vuole la badante e io posso badare solo a distanza!

    RispondiElimina
  7. Capisco, pensando alla mia nonna... Sull'età dell'arzilla signora, evidentemente tutto è relativo, lei si sente tale!

    RispondiElimina
  8. A leggerlo è tutto molto divertente, ma a viverlo a volte è proprio esasperante - ricordo ancora quanto mia nonna abbia complicato la vita a mia madre (la nonna paterna; perché quella materna è sempre stata prontissima ad accogliere chiunque la sollevasse dalle faccende domestiche, che non le piacevano né tanto né poco)

    RispondiElimina
  9. @ la povna: Il bello è che per il resto lei riconosce di non essere più quella di prima...è su questo che non molla!
    @ Murasaki: esasperante, sì...e ancora non ho parlato del tenore delle telefonate con l'altra zia!

    RispondiElimina
  10. Dolcezze, mi ripeto, la tua vena ironica migliora di post in post!!!
    Però, perdona, solidarietà alla zia ... 'sti rompipalle in casa .... ma io la capisco, sai?

    RispondiElimina