martedì 7 ottobre 2014

Di sesso forte (2° puntata)


Giuro: non avevo in mente di insistere sull'argomento. Siamo tutte abbastanza preparate e non è il caso di rimestare sempre la stessa minestra...ma quanto accaduto stamattina mi costringe perché, a volte, la realtà supera l'immaginazione.
Sappiamo tutte che i maschi malati sono cadaveri, che sono poco organizzati, che possono fare solo un lavoro alla volta, che si confondono dinanzi all'organizzazione familiare (sto generalizzando, so bene che ci sono maschi bravissimi e attivissimi, pochi, in verità), ma oggi...
Partiamo dall'inizio.
Stamattina l'Erede, campione di lentezza, mi ha chiesto, alle 7.30, di stirargli la maglietta che si era spiegazzata nel cassetto. Ero pronta ad uscire e gli ho detto di no. In fondo è maggiorenne, si sente grande, vuole essere autonomo...beh, che impari a stirarsi la maglietta! (sono un mostro, lo so).
Strepiti, lamenti, recriminazioni non mi hanno convinta e, mentre inforco lo zaino del Cucciolo e impugno la mia cartella, con la coda dell'occhio vedo lui che porta in camera il ferro da stiro. Entro e assisto a questo spettacolo:
l'Erede ha allargato la maglietta sul suo letto e la sta stirando. (e allora?) 
Il filo elettrico è appoggiato sul letto del fratello NON ATTACCATO AD ALCUNA PRESA. 
Alla mia domanda : "Ma che fai? Stiri senza attaccare la spina?", la sua risposta è stata "Ma perché? Si deve attaccare la spina?" 
Ora, vi prego, risparmiatemi l'accusa "La colpa è tua, perché non gliel'hai insegnato".

11 commenti:

  1. Mitico! Leggendo mi hai fatto fare una bella risata!!!
    Un abbraccio ed una pacca sulla spalla (o una spalla su cui piangere)!
    Maria

    RispondiElimina
  2. Non raccontarci questo, ogni volta che qualcuno legge una casalinga muore!!! :D Troppo forte!

    Maira

    RispondiElimina
  3. Io penso che lui si scocciasse di aspettare che il ferro si riscaldasse e che in cuor suo avesse invocato il dio del fuoco.
    Sono programmati solo per le cose che interessano loro per il resto ci pensa mammà...
    Povere mogli.

    RispondiElimina
  4. @MammainSE: certo...a modo suo ;)
    @Maria: effettivamente a leggerlo è divertente, ma a viverlo...Grazie per la solidarietà
    @Maira: ...e il bello è che è tutto vero! Se lui scopre che ne ho parlato mi denuncia!!!
    @ Solsido: No, no...penso che veramente non avesse idea...a meno che non volesse ammettere di avere sbagliato. Comunque è vero: sa fare solo quello che interessa a lui...

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto troppo ridere!
    Certo che a volte fanno proprio venire voglia di strozzarli.... almeno un pochino... =)))
    Dani

    RispondiElimina
  6. Troppo forte! Purtroppo sono così.
    Stefy

    RispondiElimina
  7. No, non credo ti si possa accusare di nulla.
    Potresti meritare l'accusa se il poverello fosse stato teletrasportato da una caverna dell'epoca di Neanderthal. Ma un figlio dei nostri tempi, a mio avviso, dovrebbe comunque sapere che gli oggetti muniti di una spina, per funzionare, richiedono che la spina venga inserita in una presa di corrente, e che esiste una cosa chiamata corrente elettrica, che ormai ci assiste e fulmina da non meno di sei generazioni.

    RispondiElimina
  8. ahahha non so se è una questione di sesso debole o di adolescenza... devo dire che sono stata negata per ogni faccenda finchè non mi sono ritrovata da sola in una casa in un'altra città! comunque questa scena è esilarante! :D :D

    RispondiElimina